15 MAGGIO: GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA FAMIGLIA

Un’occasione per riflettere sull’importanza del nucleo familiare e sulla sua evoluzione nel tempo

«Il fondamentale gruppo sociale e l’ambiente naturale per lo sviluppo e il benessere di tutti i suoi membri, in particolare i bambini»: così L’Onu definisce la natura del nucleo familiare. A partire da questa consapevolezza, ogni anno il 15 maggio si celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale della Famiglia, istituita nel 1994, che fu proclamato dall’Onu Anno Internazionale della Famiglia.

In Italia la famiglia si conferma essere punto di riferimento sicuro, su cui poter sempre contare, anche se negli ultimi 30 anni si è trasformata significativamente. Sicuramente diversa rispetto al passato, tradizionale e insieme moderna e più aperta, attenta alla sostenibilità e all’ambiente, sempre legata alla famiglia d’origine. Nello stesso tempo è aumentata tra i suoi membri la percezione generale dei rischi rispetto a 30 anni fa, ed è maggiore la preoccupazione per il lavoro, per la stabilità economica e la propria sicurezza. È cambiato anche il numero e la qualità dei suoi componenti.

Ma come si compone, effettivamente, una famiglia per essere definita tale? Secondo l’ISTAT «la famiglia è costituita dall’insieme delle persone coabitanti legate da vincoli di matrimonio o parentela, affinità, adozione, tutela o affettivi»; «il nucleo è l’insieme delle persone che formano una coppia con figli celibi o nubili, una coppia senza figli, un genitore solo con figli celibi o nubili»; «la famiglia può coincidere con un nucleo, può essere formata da un nucleo più altri membri aggregati, da più nuclei (con o senza membri aggregati), o da nessun nucleo (persone sole, famiglie composte ad esempio da due sorelle, da un genitore con figlio separato, divorziato o vedovo, eccetera)».

Come attesta l’ISTAT, infatti, e secondo dati che risalgono al periodo pre-pandemia, il numero medio dei componenti è di circa tre persone e, per quanto riguarda i figli, ben quattro nuclei su dieci non ne ha e il 26% ne ha solo uno. Sono aumentati sensibilmente i single (8,4 milioni, +110%), diminuiti i matrimoni del -40,5% (191mila) a fronte di un aumento delle convivenze e una progressione significativa dei divorzi (+230%). La famiglia di oggi si definisce comunque tradizionale per il 37%, un porto sicuro per il 31%, moderna e aperta per il 26%. Particolarmente significativo il dato riferito al senso di soddisfazione e felicità: oltre sette famiglie su dieci, circa il 71%, si sentono più felici e serene rispetto a 30 anni fa, soprattutto grazie alla maggiore stabilità economica.

A fronte dei numeri, comunque, la Giornata Internazionale della Famiglia offre ogni anno l’opportunità di promuovere la consapevolezza su queste tematiche, aumentando la conoscenza dei relativi processi sociali, economici e demografici. Con l’obiettivo di dimostrare come un nucleo familiare forte e coeso possa fare da volano per il rafforzamento stesso della società e delle nazioni. Importante, quindi, non dimenticarsi mai di dedicare tempo alla famiglia, ricordando e rispettando le proprie radici, ma proiettandosi anche verso il futuro.

 

CONTATTACI

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

©2021 Aletheia Store. Powered by Mediaera

Accedi con le tue credenziali

or    

Hai dimenticato le tue credenziali?